Castelli Romani, sospensione raccolta sangue negli ospedali. Avis Marino: “Non siamo stati informati e non siamo disponibili, da volontari, ad effettuare il lavoro dei centri di raccolta finanziati. Diffidiamo chiunque dal prendere decisioni per questa struttura”

Questo articolo è stato letto 1852 volte!

donatore02Castelli Romani, sospensione raccolta sangue negli ospedali.

Avis Marino: “Non siamo stati informati e non siamo disponibili, da volontari, ad effettuare il lavoro dei centri di raccolta finanziati. Diffidiamo chiunque dal prendere decisioni per questa struttura”

In riferimento all’articolo pubblicato in data 26/06/2016 sul quotidiano telematico d’informazione ilmamilio.it, titolato La Asl Rm6: “Nessuna sospensione della raccolta sangue”, l’Avis Comunale di Marino oltre ad esprimere il proprio rammarico relativo alla sospensione dell’attività di raccolta sangue presso i CRS dei P.O. di Frascati, Marino e Albano Laziale, ci tiene a rendere pubblico e ad informare tutti i cittadini dei Castelli Romani che la stessa non è mai stata informata delle decisioni descritte dalla nota della Asl Roma 6 citata nell’articolo: A seguito della comunicazione della Regione Lazio, pervenuta venerdì pomeriggio 24/06/2016, nella quale si precisava che “l’attività di raccolta sangue potrà essere effettuata soltanto al completamento con esito positivo del percorso di autorizzazione ed accreditamento”, si è immediatamente attivato un gruppo di lavoro con il coordinamento del presidente provinciale AVIS di Roma, Eugenio Fratturato e del direttore SIMT di Velletri, dott. Luca Aldegheri.

È stato stabilito quanto segue: […] Per i giorni 27-28-29-30/06/2016 le raccolte programmate presso il P.O. di Marino sono sospese, i donatori saranno inviati presso il Centro di Raccolta AVIS sito in via Pietro Nenni.

In considerazione di questo spostamento il personale sanitario ASL RM6 dedicato a questa attività presterà servizio presso il Centro AVIS di Marino con le stesse modalità ed orario di lavoro.

In tale nota sembra che si sia formato un gruppo di lavoro gestito dalla Presidenza AVIS Provinciale di Roma e dalla direzione del SIMT di Velletri che, per sopperire alle mancanze amministrative e di gestione della pubblica amministrazione dell’Azienda Ospedaliera Roma 6, abbia deciso che i volontari delle AVIS dei Castelli Romani, che secondo la normativa vigente rispondono correttamente a tutti i criteri di autorizzazione ed accreditamento alla raccolta del sangue, debbano sostituirsi all’attività che la funzione pubblica sanitaria dovrebbe garantire settimanalmente.

Con questo comunicato la presidenza e il direttivo dell’Avis Comunale di Marino intende far presente che ad oggi 29/06/2016 non ha ancora ricevuto una comunicazione ufficiale dalla direzione della ASL Roma 6, né tantomeno dall’Avis Provinciale di Roma, che a quanto sembra, avrebbero concordato unilateralmente un programma di lavoro senza consultare preventivamente gli interessati arrecando pertanto un grave disservizio.

Riteniamo assurdo ed inopportuno dover apprendere una comunicazione di tale importanza da una testata d’informazione telematica, la quale elenca giorni, strutture e modalità di lavoro svolto con  personale pubblico. Da quanto è possibile apprendere sembra che tutto ciò sia stato pianificato ufficialmente e secondo tutte le norme presviste dalla legge, ma poichè ciò nei confronti dell’AVIS Comunale di Marino non è avvenuto, questa diffida chiunque a prendere per operative le indicazioni di detto comunicato in quanto il Presidente dell’Associazione, essendo rappresentante legale e quindi  giuridicamente responsabile di ogni attività svolta a nome e per conto della struttura, dei volontari e dei soci rappresentati, si riserva la facoltà di condividere le eventuali disposizioni di organi esterni all’AVIS Comunale di Marino.

Inoltre, poichè l’ASL Roma 6 rassicuri che il servizio di raccolta non subirà interruzioni o riduzioni, La Direzione Aziendale RM6 si scusa con i donatori di sangue per gli eventuali disagi e li ringrazia per la loro collaborazione, nel contempo, assicura i cittadini che il servizio di raccolta sangue non subirà interruzioni o riduzioni ma che, anzi, verrà ulteriormente potenziato.”

Si chiarisce che le strutture AVIS sono gestite, nella maggior parte dei casi, da soci volontari, che prestano quindi un’attività che non può e non deve minimamente essere paragonata a quella di un dipendente pubblico.

In virtù di ciò sembra davvero poco rassicurante apprendere che l’attività di raccolta non subirà riduzioni, ma anzi potenziamenti. In considerazione al mancato riferimento delle risorse economiche previste per attuare questo progetto, si ricorda che il personale dell’Avis Comunale di Marino non è disponibile a garantire l’apertura della sede dal lunedì al giovedì di tutte le settimane e di tutti i mesi in attesa che i centri raccolta dei P.O. si regolarizzino e svolgano l’attività per la quale sono preposti e sovvenzionati dalle tasse di tutti i cittadini.

Comunque si  ribadisce che la programmazione annuale di raccolta sangue, comunicata ufficialmente al Centro Regionale Sangue prevista presso il punto raccolta di Via Pietro Nenni, n.6, rimane confermata e invariata per tutto il 2016. I volontari dell’Avis Comunale Marino restano comunque a disposizione dei cittadini per eventuali ulteriori informazioni.

Il Presidente

Paolo Giansanti

Marino, 29 giugno 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*